Autunno 2017 ricco di appuntamenti

Autunno 2017 ricco di appuntamenti

Calendario impegnativo per la Corale dei Laghi

Un autunno ricco di appuntamenti

Dopo aver chiuso la prima parte dell’anno con l’impegnativa partecipazione ad una decina di appuntamenti canori e aver “strappato” alla direzione del M.tro Pierangelo Callesella un brevissimo periodo di sosta ad Agosto, ritemprati nel fisico e nello spirito, grazie anche alla sapiente arte culinaria di Noè, che per lo scopo organizza “pro Coro” una corroborante cena in quel di Arfanta, la Corale dei Laghi è nuovamente ripartita.

Miglior esordio settembrino non vi poteva essere che quello offerto, il giorno 3, dalla splendida cornice naturale delle Prealpi Trevigiane. L’occasione è proposta da “ Tra Mel e Miane “ una manifestazione che si rinnova ormai da 17 anni con lo scopo di valorizzare il territorio, far conoscere le attività degli alpeggi ed apprezzarne i prodotti. Per questa edizione il programma si è arricchito con la partecipazione di due cori : la Corale dei Laghi ed il coro Pradevai che nel corso della giornata hanno fatto riecheggiare le loro voci tra le vallate dei Pian Alti, Posa Puner e Mont.

La pianura da Posa Puner

Dallo splendore delle Prealpi all’incanto della Laguna. Un susseguirsi di emozioni. Anche se la condizioni atmosferiche non erano certamente le più adatte per una trasferta a Venezia, è piovuto infatti per quasi tutta la giornata, particolarmente suggestiva e certamente indimenticabile è stata la partecipazione del Coro alla SS. Messa domenicale del 24 settembre celebrata nella Basilica di S. Marco. Una chiesa traboccante di storia. Risalente alla fine del primo millennio ed edificata per accogliere le reliquie di S. Marco, dopo vari rifacimenti ne assume

l’aspetto oggi conosciuto nella prima parte del secondo millennio. Un tesoro unico per architettura ed arte: non vi è centimetro quadrato che non rimandi in qualche modo ad un opera artistica; se all’esterno lo sguardo viene inevitabilmente attratto dalla facciata principale prospiciente la piazza, all’interno non si sa da che parte guardare: tutto è arte, tutto è decoro, tutto è meraviglia. Per i coristi non è stato facile aver tenuto la necessaria concentrazione in un simile ambiente ed altrettanto emozionante deve essere stato per il maestro, per l’occasione accompagnato dal violino della figlia Chiara, far suonare uno degli storici organi della basilica ! Da lassù, dai matronei, dalla cantoria dove si sono alternati in epoche diverse musicisti del calibro di Arcadelt, Montevedi, Vivaldi, Perosi ,  da un’osservatorio assolutamente privilegiato, una veduta mozzafiato sulla Basilica. E la voce che esce, si fonde nelle giuste armoniche, sale ad accarezzare le cupole dorate e scende impreziosita nelle navate a farsi ascoltare. Da brividi, per il coro e per i numerosi accompagnatori che non si sono lasciati scappare una simile occasione!

Il 13 Ottobre la Corale incontrava, nell’Auditorium Banca Prealpi, il coro sardo di Iddanoa. Il coro, proveniente da Villanova Monteleone di Sassari e invitato dal Coro Minimo Bellunese alla rassegna culturale di montagna “Oltre le Vette” di Belluno, ha lasciato, nella sua breve apparizione prima di raggiungere Belluno, un’eccellente testimonianza della musica corale sarda. Un modo di cantare, che trae le sue origini dai tempi antichi, da un mondo arcaico di derivazione pastorale, unico nel suo genere, caratteristico della Sardegna e conosciuto come canto “a tenores”, talmente particolare da essere riconosciuto oggi dall’Unesco patrimonio orale dell’Umanità.

  Il coro de Iddanoa viene considerato a buon motivo, una delle massime espressioni Sarde di questo modo di cantare e il pubblico presente alla serata ha sottolineato con ripetuti applausi l’apprezzamento per i vari brani presentati.

La settimana successiva, su invito del coro Aples Cai di Oderzo, la Corale dei Laghi era a cantare nella sala del Duomo Opitergino in compagnia del coro Gospel Sonoria di Cimadolmo, in occasione della 7° edizione di “ Cori in corte”.

Per il prossimo periodo di fine anno la Corale dei Laghi vedrà intensificarsi gli appuntamenti. Dopo l’annuale pranzo sociale aperto a famigliari e simpatizzanti organizzato per domenica 19 Novembre presso il Ristorante alle Rive, riprenderà a cantare il 24 novembre presso l’Auditorium Banca Prealpi dove ci sarà un concerto celebrativo per il centenario della Grande Guerra; sabato 2 dicembre canterà ad un concerto organizzato a Col S. Martino; il 9 dicembre sarà ad un concerto natalizio nel Duomo di Gemona; sabato 16 dicembre accompagnerà la SS. Messa per l’Università della Terza Età a Soligo; il 17 dicembre nell’Arcipretale di Tarzo introdurrà l’annuale concerto organizzato dalla Pro Loco e dal Circolo Musicale, per finire con il classico appuntamento del 26 dicembre per il concerto natalizio organizzato dal Coro stesso in collaborazione con la Pro – Loco di Revine Lago che quest’anno sarà tenuto nella chiesa di Lago.

Geremia

Comments are closed.